The Notorious P.e.p.s.i.

Christopher George Latore Wallace, meglio conosciuto come The Notorious B.I.G. È stato uno dei rapper più influenti di sempre e l’esponente più importante della east coast. Nato a New York e morto assassinato in una sparatoria a Los Angeles il 9 marzo 1997, Il suo doppio disco Life After Death viene pubblicato 15 giorni dopo la sua morte, arrivando subito al primo posto nella classifica statunitense di album più venduti, e conquistando un disco di diamante nel 2000. Lo scorso novembre è entrato a far parte della Rock And Roll Hall Of Fame, ad accompagnarlo i Depeche Mode, The Doobie Brothers, Nine Inch Nails e i T-Rex e Whitney Houston. È il secondo rapper solista a fare il proprio ingresso nella RRHF: il primo è stato infatti Tupac, membro dal 2017.Per celebrare questa occasione la Pepsi ha pubblicato un freestyle inedito del 1997.La traccia, pubblicata su YouTube insieme ad un video animato ambientato a Bedstuy, quartiere dove biggie è nato e cresciuto,riprende un brano eseguito 23 anni fa  presso i D&D Studios durante un’intervista rilasciata a DJ Enuff per l’emittente radiofonica HOT97. Nel freestyle, caratterizzato da alcune barre dedicate alla bevanda preferita del rapper, Notorious B.I.G. in un pezzo rappa:

“Nothing can beat the P-E-P-S-I drink it constantly / Something ’bout the taste feels great, less filling / Tell ’em Biggie said drink it all, don’t test me / Nothing else beats a Pepsi / If it is, let’s see/ I’m thirsty,”

 Ovviamente non sono mancate le polemiche, c’è chi l’ha vista come l’ennesima manovra per sfruttare il nome del compianto rapper statunitense. Se non avete ancora visto il video vi lasciamo il link, perché al di là delle opinioni è sempre bello ascoltare il flow di Biggie. E forse ci sarebbe piaciuta anche una risposta di Tupac in uno spot Coca Cola.

Come funziona l’algoritmo di Spotify

In principio era la radio, unica depositaria dell’importante missione di diffondere e promuovere nuova musica. Già, la radio. Così democratica nelle possibilità di fruizione ma altrettanto autocratica nella selezione musicale, a tal punto da custodire per decenni lo scettro della notorietà e del successo di brani e artisti.

Vi siete mai fermati a pensare che tutta, ma proprio tutta la musica che avete da sempre ascoltato in radio è stata il frutto di una selezione che altri hanno scelto per voi?

Un conduttore/DJ con una buona cultura musicale sceglie(va) la musica più adatta per la propria trasmissione, selezionando una goccia di musica nell’oceano della totalità delle produzioni musicali.

Un tempo la scoperta di nuova musica passava necessariamente attraverso le onde a modulazione di frequenza. Poi passano gli anni, evolve la tecnologia, nascono nuove modalità di fruizione e consumo musicale.

La musica oggi si trasmette anche via Internet, arrivano i servizi on demand, il pubblico matura maggiore consapevolezza delle proprie scelte di consumo mediale, la conoscenza dei gusti dell’utente acquisisce un valore fondamentale nell’architettura degli ambienti mediali digitali, l’algoritmo acquisisce una centralità determinante nella proposta di nuovi contenuti da dare in pasto agli utenti.

Spotify ti dice qualcosa?

La piattaforma per lo streaming audio oggi vanta oltre 320 milioni di utenti attivi, di cui 144 milioni utenti Premium.

Spotify si differenzia dalla concorrenza per la sua natura ibrida: da un lato infatti si distingue per un ricorso “spiccato” ad algoritmi di raccomandazioni verso l’utente, dall’altro si avvale comunque di un team editoriale di esperti dediti alla creazione di playlist.

Qual è l’obiettivo del ricorso al sistema di Intelligenza Artificiale di Spotify? Semplice. Farci usare per il maggior tempo possibile la piattaforma.

Come? Individuando proprio quello che vorremmo ascoltare, in qualsiasi momento dell’anno, a qualsiasi ora della singola giornata, tra circa 60 milioni di brani registrati e 2 milioni di podcast disponibili.

L’algoritmo di Spotify che sceglie per noi

Si chiama BaRT, non è giallo e non è un personaggio dei Simpson.

BaRT è un acronimo che sta per “Bandits for Recommendations as Treatments” ed è il frutto del prezioso lavoro della start up Echo Nest, acquisita nel 2014.

Il suo operato è tangibile soprattutto nella creazione dell’home page di Spotify, che cambia da utente ad utente. Ad ogni accesso al sistema, l’algoritmo genera diverse playlist create ad hoc sui gusti del singolo utente, per stimolare la sua curiosità.

La logica è molto semplice: più ascolti e più accurati saranno i suggerimenti che Spotify ti proporrà nelle sue playlist. Analizziamo meglio le playlist algoritmiche di Spotify:

DailyMix: fino a 6 mix basati sulle preferenze di generi musicali espresse dall’utente. Include canzoni già ascoltate e qualche suggerimento. Più si ascolta musica e più vengono aggiornate frequentemente.

Release Radar: una playlist algoritmica realizzata ogni venerdì con le nuove uscite musicali, in linea con i gusti dell’utente

Discover Weekly: la play list del lunedì. Include brani “old” potenzialmente interessanti per l’ascoltatore

On Repeat e Repeat Rewind: una lista dei brani più ascoltati dall’utente, aggiornata ogni 5 giorni

Daily Podcast: una proposta di Spotify all’utente che potrebbe apprezzare questo genere

Tutto qui? No. La mano invisibile dell’algoritmo agisce anche in coda a un brano o a un album scelto dall’utente, quando in autoplay parte una canzone che ti propone il sistema.

Come fa l’algoritmo a riconoscere la tipologia di musica che piace all’utente?

Il sistema utilizza fondamentalmente tre parametri:

Natural Language Processing: corrisponde ad una sorta di analisi che il sistema compie verso tutte le informazioni “primarie” associate a un brano. Testi, linguaggio e metadati (informazioni di ogni brano inserite nel sistema dalle case discografiche o dall’artista stesso) rappresentano l’oggetto dell’elaborazione compiuta da Spotify.

Raw Audio Analyzation: è un’analisi relativa alla musica in senso stretto. Serve ad individuare il tempo, la tipologia di suono, il “mood” del brano (strumentale, parlato, upbeat, ecc.)

Collaborative Filtering: parola chiave “previsione”. Il sistema utilizza una tecnica di previsione per definire i gusti dell’utente sulla base dei pattern di ascolto storici e quelli di utenti simili. Per semplificare, la logica è quella per cui se due persone ascoltano uno stesso gruppo di canzoni, probabilmente hanno gusti simili. Dunque, un artista che piace ad uno dei due, ma non è stato ancora scoperto dall’altro, potrebbe essere un buon suggerimento.

Cosa “nutre” l’algoritmo di Spotify?

Gli algoritmi alla base della logica di funzionamento di molti ambienti (Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, etc. etc.) hanno tutti bisogno di segnali per imparare a capire i gusti dell’utente.

In ambienti come Facebook o Instagram, ad esempio, banali azioni come un “like” o un “cuoricino” che l’utente compie verso un contenuto, per il sistema rappresentano l’espressione di un giudizio di valore positivo. In altre parole, l’algoritmo impara a conoscere le preferenze di gusto dell’utente e le utilizza per proporgli contenuti in linea con i suoi interessi.

La stessa logica è alla base del funzionamento dell’algoritmo di Spotify.

I parametri utilizzati da Spotify per imparare a conoscere i gusti musicali dell’utente sono molteplici:

  • canzoni più ascoltate
  • generi preferiti
  • ritmi graditi
  • interazioni col brano (like, aggiunta a playlist, condivisione)
  • artisti seguiti
  • playlist più apprezzate
  • lingue ascoltate
  • durata (i brani ascoltati per meno di 30 secondi vengono interpretati come un segnale di disinteresse)
  • gli outlier, ossia i valori anomali, vengono individuati e scartati (ad esempio, le canzoni per bambini ascoltate da un figlio dall’account del padre).

L’algoritmo assolve quindi a due funzioni principali: accontentare i gusti dell’utente, sulla base di serie storiche che valutano ciò che gli è piaciuto in passato; e intercettare e proporre novità mai ascoltate dall’utente.

Siamo dunque “vittime” inconsapevoli di un algoritmo che decide per noi?

Tra le posizioni estreme di apocalittici e integrati, a noi piace stare nel mezzo. La proposta di nuova musica di Spotify sicuramente è decisa da BaRT, ma l’algoritmo ha comunque bisogno di noi per imparare a conoscerci e a proporci musica sempre più in linea con i nostri gusti.

Con l’avvento e la diffusione di Internet e di ambienti come Spotify, l’industria discografica ha totalmente riscritto le logiche di promozione musicale. L’artista moderno ha sicuramente bisogno di essere supportato a livello strategico da esperti di settore che lo guidano nelle scelte promozionali, ma non è più dipendente esclusivamente dalle volontà delle case discografiche, troppo spesso impegnate ad assecondare logiche di business spietate, a discapito della pura creatività artistica.

Brano della settimana

Il brano della settimana è stargazing di Travis Scott. La Flame è diventato il 12esimo artista di sempre a superare i 20.000.000.000 di streaming. “stright up” [cit]

I was hot as hell out in the heat (Yeah, yeah)
Then the storm came in and saved my life
Head up to the sky, down on my knees
Out of nowhere, you came here to save the night
In the nighttime

Sono stato caldo come il diavolo nell’inferno
Quindi la tempesta è venuta e mi ha salvato la vita
Testa in aria, in ginocchio
Fuori da nessuna parte, sei venuto qua per salvare la notte
Durante la notte

NUOVE USCITE DISCOGRAFICHE NOVEMBRE 2020

Novembre mese di ritorni e di restyling



Tornano Gli ACDC con “Power up”, nuovo album anticipato dal singolo “shot in the dark”. Rientra nella band Brian Johnson, lontano dal gruppo per problemi di salute e sostituito negli ultimi 4 anni da “Axel Rose”.In Italia tornano i “Negramaro” con un nuovo album:“contatto” 12 tracce ed un solo feat.(Madame).Ghali pubblica la versione deluxe di “DNA” con l’aggiunta di 4 brani “cacao feat.pyrex”,”milf feat.taxi b”,“1993” e “mille pare (bad times)”.Uscita da record (oro in 20h) per “sfera ebbasta” con “famoso”, 13 tracce con collaborazioni internzaionali di tutto rispetto come Future,Diplo,Offset e J Balvin.Tiziano Ferro pubblica “accetto miracoli-l’esperienza degli altri” doppio cd, il primo album di cover tra cui Lucio Dalla,De Gregori,Mango,Cocciante e molti altri. Il secondo è un repack di “accetto miracoli” uscito nel 2019.Il doppio cd è stato accompagnato dal documentario amazon original “FERRO” in esclusiva su prima video,dove il cantante racconta la sua vita tra alti e bassi e i 20 anni di carriera.Gemitaiz continua il capitolo mixtape “Quello che vi consiglio” con il volume 9, 18 brani di cui due (qvc9 e outro in the night) prodotte dallo stesso Gem. Ci leggiamo il prossimo mese con le nuove uscite di dicembre.

#soundyousoon



#Drewbox –04– Nuove Uscite discografiche 14.02.20

Tutte le nuove uscite discografiche di venerdì 14.02.2020

Ritorna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Mostro feat Gemitaiz – Bretney Spears

Giaime – Mula e.p.

Diodato – Ciao, ci vediamo

Franceco Gabbani – Il sudore appiccica

Liberato feat Massive Attack – We come from Napoli


NUOVE USCITE INTERNAZIONALI:

Migos – Give no fxk

Justin Bieber feat Post Malone – Forever

Billie Ellish – No time to die

Bad Bunny – Ignorantes

Meduza – Born to love

Sam Smith – To die for

Pedro Capò – Buen Suerte

#Drewbox –02– Nuove Uscite discografiche 10.01.20

Tutte le nuove uscite discografiche di venerdì 10.01.2020

Ritorna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Roshelle feat. Emis Killa – Rosa naturale

Giaime feat. Pyrex – Niente

Elodie feat. Gemitaiz – Non è la fine

J-ax feat Max Pezzali – La mia hit

Tommaso Paradiso – I notri anni

Brunori Sas – cip

Shade – Allora ciao

NUOVE USCITE INTERNAZIONALI:

Halsey – You should be sad

Mac Miller – Good news

Selena Gomez – Rare

Drake feat Future – Life is good

Alicia Key – Underdog

Robin Shulz feat. Alida – In your eyes

#Drewbox –01– Nuove Uscite discografiche 03.01.20

Tutte le nuove uscite discografiche di venerdì 03.01.2020

Ritorna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Ty1 feat .Speranza, Noyz Narcos – Sciacalli

Gianluca Grignani – Tu che ne sai di me

Claudio Baglioni – Gli anni più belli

Tedua – Freestyle 2020

Jesto – Felice

NUOVE USCITE INTERNAZIONALI:

Justin Bieber – Yummi

Ava Max – On sombody

Lauv – Changes

Sam Hunt – Sinning with you

Young Thug – Die today

#Drewbox – 026 – Nuove Uscite discografiche 06.12.19

Tutte le migliori nuove uscite discografiche di venerdì 06.12.19

torna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Clementino feat MadMan – Come fa?

Salmo – Playlist Live

Vasco Rossi – Vasco Nonstop Live

NUOVE USCITE INTERNAZIONALI:

The Who – Who

Camila Cabello – Romance

Liam Payne – LP1

Jack Savoretti – Singing To Stangers Special Edition

Mary J.Blidge – HERstory Vol. 1



#Drewbox – 025 – Nuove Uscite discografiche 22.11.19

Tutte le migliori nuove uscite discografiche di venerdì 22.11.2019

torna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Tiziano Ferro – Accetto Miracoli

Capo Plaza – Ho fatto strada

Davide Van De Sfross – Quanto Nocc

Subsonica – Microchip Temporale

Mina e Ivano Fossati – Mina Fossati

NUOVE UCITE INTERNAZIONALI:

Coldplay – Everyday Life

Billy Corgan – Cotillions

Leonard Cohen – Thanks For The Dance

Robbie Williams – The Christmas Present

Lewis Capaldi – Divinely Uninspired to a Hellish Extent (extended edition)

Lindemann – F&M

#Drewbox – 024 – Nuove Uscite discografiche 15.11.19

Tutte le migliori nuove uscite discografiche di venerdì 15.11.2019

torna l’appuntamento settimanale di Terzo Canto con le nuove uscite discografiche della settimana, suddivise tra nuove uscite discografiche Italia e nuove uscite discografiche internazionali. #soundyousoon

NUOVE USCITE ITALIA:

Gianna Nannini – La differenza

Francesco Guccini – Note in viaggio

Grido – Diamnti e fango

Tha Supreme – 23 6451

NUOVE USCITE INTERNAZIONALI:

Celine Dion – Courage

Milky Chance – Mind The Moon